Le ragazze single sono per sempre

Non c’entra niente con Bridget Jones. Nonostante noi qui si sia partite del tutto sprovvedute e si sia cercato a lungo il filo di una trama unitaria, l’evidenza dei fatti è che si tratta di racconti brevi: tredici. Le ragazze single non parlano al plurale si contraddice dal titolo, e ci convince. Quello che fanno le ragazze single, per tradizione, è impilare scatole di scarpe su uomini sbagliati, o viceversa. Soffrono ai matrimoni altrui peggio che dal dentista e scappano dai propri, in senso più e meno figurato. Le ragazze single, ancora, bevono molto, dormono poco e hanno amiche sempre troppo magre e belle, graziosamente ricche di famiglia. Bisognerebbe scrivere un altro libro, per […]

L’outing neocentrista di Veltroni

Nel giornalismo si utilizza spesso l’espressione “ritagliarsi un proprio profilo”, a intendere quell’insieme di dichiarazioni solenni, gesti simbolici, atti di rottura – non importa se dolorosi oppure a buon mercato – che nel corso del tempo vanno a ridefinire l’immagine di un uomo politico. Ritagliandosi un proprio profilo, sostantivo cui quasi sempre si fa seguire l’aggettivo “istituzionale”, il leader si allontana da schemi e rituali della propria parte per meglio rivolgersi all’insieme dell’elettorato. E prima ancora che a questo, a tutti quegli interlocutori che con la politica e soprattutto con i politici hanno tradizionalmente a che fare: industriali, intellettuali, cardinali e via elencando. Ma Walter Veltroni oggi il suo nuovo profilo istituzionale se lo […]

Una domanda pratica

Cara Left Wing – Complimenti per la nuova grafica. Come faccio a stampare tutto il numero della rivista senza richiedere articolo per articolo? Grazie e auguri Vincenzo Santori * Da oggi in fondo a ogni articolo trova l’opzione: “stampa tutti gli articoli”. Ne faccia buon uso.

Il fiorista della sposa

La migliore intuizione del remake anni novanta del Padre della Sposa, quello con Steve Martin al posto di Spencer Tracy, è il personaggio di Franck, il bizzarro organizzatore di matrimoni interpretato da Martin Short, pronto a esaudire ogni desiderio della sposa e a innamorarsi delle soluzioni più stravaganti (e dispendiose) per cerimonia e ricevimento. Alla Magnolia hanno pensato che il filone matrimoni offrisse possibilità non ancora sfruttate per un reality, ed è nato Wedding Planners, in onda la domenica alle 22.00 su Discovery real time (canale 118 di Sky). Il programma ha poco a che vedere col casereccio Scene da un matrimonio di Davide Mengacci. Niente conduttore (solo una voce fuori campo che raccorda […]

Mick Jagger e i rituali del Superbowl

Il Superbowl, per gli americani, è l’equivalente di una finale mondiale di calcio. Del resto il football è uno degli sport nazionali assieme al baseball, alla pallacanestro e all’hockey. Con l’unica differenza che la finale del campionato si gioca in una partita secca, mentre gli altri sport prevedono più di una gara per l’assegnazione del prestigioso titolo. Il Superbowl è l’atto finale di una stagione iniziata a fine agosto. Un evento che per tradizione è fra i più seguiti, oltre che un momento di spettacolo senza pari. Si dice anche sia uno dei giorni in cui gli americani mangiano di più, secondo solo al Ringraziamento. Gli spazi pubblicitari durante la partita sono fra i […]

Tifosi

Non essendo tifosi, non faremo alcuna ironia sui commenti rilasciati da Luigi Abete a proposito dell’offerta di Bnp Paribas su Bnl, una volta incassata l’assicurazione che ne resterà presidente. Del resto era chiaro fin dall’inizio che era tutta una questione di assicurazioni.

La protesta induista

Chi si ricorda di quella protesta indù dell’anno scorso? Un’azienda francese, piuttosto di tendenza, aveva stampigliato l’immagine del dio Rama sulle sue scarpe. Vendite a gonfie vele ma indù incazzati come bisce che minacciarono nell’ordine: denuncia alla Corte Ue dei Diritti dell’uomo, boicottaggio dei voli Air France e dell’assegnazione dell’Olimpiade 2012 alla Francia. L’azienda prese atto che “Rama è attualmente venerato da un miliardo di indù in tutto il mondo” e ritirò il prodotto dal mercato. Episodio diverso da questo delle vignette danesi, ma poi mica tanto. Lì la salvaguardia della dignità di un credo religioso contro il dio mercato, qui la difesa della Libertà-di-Stampa dalle pretese di censura di una religione che considera […]

We Are Scientists

Come descrivereste la vostra musica? – La domanda che nessuna band vorrebbe. E’ come chiedere a uno scrittore di descrivere il proprio lavoro con un assolo di chitarra”. Brooklyn, New York, anno domini 2000. La fine del mondo e il millennium bug incombono, spingendo i più previdenti a prepararsi con scorte di acqua e generi di prima necessità, come lettori digitali e cd. Colpiti dalla portata del fenomeno, i signori Keith Murray, Chris Cain e Michael Tapper, educati studenti dei college Pomona, e Harvey Mudd decidono del tutto inopinatamente di formare una band. Ignari di ogni implicazione, applicano al tentativo la medesima diligenza con la quale si applicano agli studi: qualche prova, due o […]

Bada a come parli

Che strano se la logica si occupasse di un linguaggio ideale e non del nostro. Perché allora, da dove dovremmo prendere questo linguaggio ideale? E che cosa esprimerebbe questo linguaggio ideale? Proprio quello che esprimiamo adesso nel linguaggio comune; perciò la logica deve indagare questo. O qualcosa d’altro; ma allora va a sapere che cos’è. – L’analisi logica è analisi di una cosa che abbiamo, non di una cosa che non abbiamo. Perciò è analisi delle proposizioni così come sono (Sarebbe strano se la società umana avesse parlato finora senza aver messo insieme una sola proposizione corretta). (Ludwig Wittgenstein, The Big Typescript) a cura di Massimo Adinolfi

Analisi onto-linguistica del voto

Nell’imminenza delle elezioni, tutti i principali attori dello spazio politico sono impegnati a consultare, commissionare, commentare sondaggi, nella speranza di decifrare umori e tendenze dell’elettorato. Non altrettanta attenzione viene dedicata agli strumenti di analisi del voto, oggetto di sapienti editoriali e rituali direzioni nazionali a urne ormai aperte, quando cioè la frittata è fatta. Qui voglio provare quel che non si è mai provato: intendo sottoporvi la prima analisi elettorale antecedente addirittura la convocazione dei comizi elettorali. L’utilità di un simile esercizio è presto detta: l’analisi verte esclusivamente sull’offerta politica e, non avendo a disposizione il risultato delle urne, ne valuta la credibilità senza avvalersi del bene più largamente distribuito tra gli studiosi dei […]