Il Mediterraneo e la sinistra che manca

Il Mediterraneo dimenticato. Titolava così, ieri, il Corriere della  Sera, l’editoriale firmato da Sergio Romano. Colpivano positivamente, ma pure inducevano ad una certa amarezza, quel titolo da denuncia, quelle sagge argomentazioni da grande esperto di politica estera, grande conservatore, sulla necessità che l’Europa unita battesse un colpo…

Un cattolicesimo post-ideologico

Papa Francesco continua, giorno dopo giorno, ad assestare colpi ad una certa di idea di papato (come la recente decisione di non partecipare al concerto “in suo onore” organizzato da mons. Fisichella, tra tutti gli arcivescovi della Curia romana il più vicino a certi ambienti della politica italiana)

La tardiva autocritica del Fmi

Colpa o dolo? È questa la prima domanda che sorge spontanea dopo la lettura del corposo rapporto del Fondo Monetario Internazionale uscito l’altro giorno sulla situazione economica in Grecia.

Il semipresidenzialismo è un’altra Costituzione

A leggere i giornali, si direbbe che sul modello francese nel Partito democratico siano ormai tutti, o quasi tutti, d’accordo. Legge elettorale a doppio turno e semipresidenzialismo sarebbero dunque la risposta migliore al montare dell’antipolitica.

Malattie che definiscono l’America

La notizia, data qualche giorno fa dall’attrice e attivista Angelina Jolie, della operazione di doppia mastectomia preventiva a cui si è sottoposta, ha fatto il giro del mondo.

Achille e la tartaruga al Quirinale

Il fatto è che, nonostante la numerazione continua, gli articoli 92, 93 e 94 della Costituzione italiana – ossia la nomina, il giuramento e la fiducia al governo – non riempiono tutti gli spazi. Il Presidente nomina, il Governo giura

Social Catholicism is back

At the fifth ballot of the 2013 conclave, the Catholic Church chose the road not taken in 2005, selecting Joseph Ratzinger’s runner-up. In an ecclesial environment apparently dominated by the polemics of “Roman Curia vs. the rest of the world”, the conclave took a different approach

La rivolta antipolitica

Mentre molti di noi non avevano ancora smesso di domandarsi che fine avrebbe fatto la democrazia italiana, con un intero gruppo parlamentare teleguidato da un signore che parla di terza guerra mondiale nel 2020, un intero gruppo parlamentare

Tra responsabilità e discontinuità

Tutta l’attenzione è puntata sull’urgenza di decifrare i prossimi passi in questo inizio travagliato di legislatura. Non è tuttavia inutile inquadrare i passaggi che ci attendono nel contesto della più complessa partita dell’uscita

Più forza alla Curia romana

Le due notizie di lunedì 25 febbraio, a tre giorni dalla fine programmata del pontificato di Benedetto XVI, gettano una luce sinistra sul conclave che sta per iniziare. La prima notizia è quella delle dimissioni, prontamente accettate da Roma, del cardinale scozzese O’Brien, per le accuse rivoltegli alla fine della settimana