Se il Fondo monetario ci ripensa

La scomparsa dall’agenda politica delle discussioni sulle nuove regole per la finanza mondiale è forse uno degli aspetti più emblematici degli ultimi tempi. Dopo un iniziale centralità nel dibattito, coinciso con l’esplosione della crisi

Luci e ombre sulla produttività

In merito all’accordo sulla produttività, sottoscritto dai sindacati con la rilevante eccezione della Cgil, la prima domanda è se affronti in modo adeguato il tema. Va apprezzato che si abbandoni l’assunto fuorviante che fattori cruciali per la produttività

Il colmo del liberismo

Non c’è più giorno ormai che una dichiarazione di Beppe Grillo non conquisti i titoli dei giornali, raccogliendo spesso fondate critiche per la sua irresponsabilità (come quella sulla mafia migliore dello Stato perché non strozzerebbe le sue vittime), dispotismo

L’altra scuola di Chicago

Barack Obama è stato rieletto, dando ragione ai sondaggisti che negli ultimi giorni prima di martedì 6 novembre avevano predetto la sua vittoria in maniera spaventosamente precisa. Nel 2008 il video del discorso della vittoria

Un anno d’Europa senza Berlusconi

Il 4 novembre 2011 la vita in Italia era la vita di un paese benestante: i consumi non erano diminuiti, i ristoranti erano pieni, i posti di vacanza erano iperprenotati, e l’Italia non sentiva “un qualche cosa che potesse assomigliare ad una forte crisi”.

Un tempo qui era tutto cattedrali

In margine alla vittoria di Obama, mi viene da pensare che di gran lunga il primo motivo per cui qui in Europa siamo tutti molto contenti è che Obama è, indiscutibilmente, un figo.

La stele di Rosetta

Gli storici di domani s’interrogheranno a lungo su questi ultimi vent’anni della storia d’Italia: visti dall’alto, nel loro insieme, ci appaiono come una lunga fase di stagnazione economica e regressione civile, segnati da un vertiginoso aumento delle diseguaglianze sociali…

Le scosciate anni 60

Ci si divide, davanti alla tv, in frivole e contenutiste ormai tutte le sere. Ieri era facile: da Santoro da una parte c’era Daniela Santanché…

Un sano conservatorismo italico

Che cosa mai è stata la seconda Repubblica? Un fallimento. Si può discutere a lungo sulle responsabilità, ma sull’esito dell’ultimo…

Ma è tardi per smontare i gazebo

Sulle primarie si sono combattute battaglie politiche durissime dentro il Partito democratico. Si è sostenuto persino…