Conservatori

A Natale sono tutti più buoni. Noi no, e a Babbo Natale abbiamo chiesto in dono una sinistra meno indulgente con se stessa e magari più buona con l’altra metà del paese; meno scettica verso il resto del mondo e più fiduciosa nell’umanità. Il cataclisma che l’ha investita ormai diversi decenni or sono ne ha cambiato la fisionomia a tal punto da renderla irriconoscibile, e molto simile a quella che un tempo era la destra: conservatrice, catastrofista, complottista. Un tempo erano i conservatori a dubitare dell’uomo e del progresso, a diffidare delle masse e della democrazia, a intravedere oscuri complotti e spettri minacciosi in giro per l’Europa e il mondo. Erano loro a mostrare […]

Nuovi partigiani

In Italia c’è un regime. Lo dicono politici, giornalisti, intellettuali, comici, premi Nobel. E così capita che la sinistra si trovi divisa tra quelli che lo combattono, i nuovi partigiani, e quelli che non ne vogliono sentir parlare, i collaborazionisti. Ma quando in questo paese il regime c’era davvero, quelli che lo attaccavano si dovevano nascondere per non essere messi in prigione o uccisi, dovevano patire il freddo e gli stenti della vita di montagna. Forse è per questo che noi proprio non ci sentiamo nuovi partigiani: per rispetto di chi, essendolo stato quand’era tempo, oggi ci permette di non esserlo. A queste chiamate alle armi facciamo obiezione di coscienza. Ci si consenta almeno […]