La religione è un blik

Un lunatico è convinto che tutti lo vogliono uccidere; i suoi amici gli fanno conoscere le persone più dolci e più rispettabili e poi gli dicono: «Vedi, non vogliono ucciderti, ti parlano nel modo più cordiale; non ne sei ancora convinto?». Ma il lunatico risponde: «Non è che uno stratagemma diabolico: anche questi, come gli altri, stanno complottando contro di me» […]. Applichiamo all’esempio il test di Flew: il lunatico non accetterà alcuna condotta come contraria alla sua teoria; perciò la sua teoria, sulla base del test, non dice nulla. Ma noi seguitiamo a pensarla diversamente da lui, altrimenti non lo considereremmo un lunatico e non ci sentiremmo a disagio con lui. Possiamo dire che ciò che ci differenzia dal lunatico è il nostro rispettivo blik: mentre egli ha un blik folle sulle persone, noi ne abbiamo uno sano […]. È stato Hume a insegnarci che l’intero nostro rapporto col mondo dipende dal nostro blik sul mondo stesso; e anche che le differenze fra i vari tipi di blik non dipendono dall’osservazione di ciò che succede nel mondo.

R. M. Hare, in Aa. Vv. Nuovi saggi di teologia filosofica

(a cura di Massimo Adinolfi)

Comments are closed.