L’incontro delle civiltà

Eh, er bianco, già, laggiù ce fa furore!
E dice che, si lui ce l’incoraggia,
Bisogna vede lei come ce sgaggia,
Quanno ce se pò mette a fà l’amore.

Che dichi? La quistione der colore?
Be’ vedi: er bianco, lui, si ‘na servaggia,
Capischi, si Dio liberi l’assaggia,
Nun te lo lassa più, fino che more.

E mica ce sarebbe tanto male;
La gran dificortà è che ci ha er difetto
De nasce co’ quer porco naturale,

Che come vede l’erba ce s’intrufola,
E quanno viè la notte che va a letto,
Puzza un po’ de l’odore de la bufola.

Però, capischi, o bufola o vaccina,
Da quele parti lì, si ci hai famija,
Quanno che puta caso ci hai ‘na fija
Trovi subito chi se la combina.

Qui, invece, tu pòi avecce ‘na regina,
Che ha tempo, ha voja a fà l’occhi de trija,
Ché prima de trovà chi se la pija,
N’ha da attastanne armeno ‘na ventina.

Lì, invece, pe sposassele, le pregheno:
Mica è come ne l’epoca presente,
Che vedi le regazze che se spregheno.

Perché lì li servaggi, o belli o brutti,
Appena che l’età je l’acconsente,
Da quele parte lì sposeno tutti.

(Cesare Pascarella, La scoperta de’ l’America)

Comments are closed.