Progetti culturali

Uno degli imparaticci teorici di origine nazionalista è quello di contrapporre la storia al diritto naturale. Ma cosa significa una tale contrapposizione? Nulla o solo la confusione nel cervello dello scrittore. Intanto il “diritto naturale” è un elemento della storia, indica un “senso comune politico e sociale” e come tale è un “fermento” di operosità. La quistione potrebbe esser questa: che un teorico spieghi i fatti col così detto “diritto naturale”, ma questo è un problema di carattere individuale, di critica a opere individuali ecc. e in fondo non è altro che critica al “moralismo” come canone d’interpretazione storica. Roba che ha la barba. Ma in realtà, al di sotto di questo sproposito c’è un interesse concreto. Quello di voler sostituire un “diritto naturale” a un altro. E infatti tutta la teoria nazionalista non è basata su “diritti naturali”? Si vuole al modo di pensare “popolare” sostituire un modo di pensare non popolare, altrettanto mancante di critica del primo.
(Antonio Gramsci, Quaderni del carcere)

Comments are closed.