Conservatori

A Natale sono tutti più buoni. Noi no, e a Babbo Natale abbiamo chiesto in dono una sinistra meno indulgente con se stessa e magari più buona con l’altra metà del paese; meno scettica verso il resto del mondo e più fiduciosa nell’umanità. Il cataclisma che l’ha investita ormai diversi decenni or sono ne ha cambiato la fisionomia a tal punto da renderla irriconoscibile, e molto simile a quella che un tempo era la destra: conservatrice, catastrofista, complottista. Un tempo erano i conservatori a dubitare dell’uomo e del progresso, a diffidare delle masse e della democrazia, a intravedere oscuri complotti e spettri minacciosi in giro per l’Europa e il mondo. Erano loro a mostrare disprezzo per l’ignoranza del volgo e per la cultura popolare, a diffidare della società di massa e dello sviluppo industriale e tecnologico, a condannare la scienza in nome dei valori tradizionali. Il popolo era come un bambino, dicevano, aveva bisogno di genitori severi che gli indicassero la via da seguire e che ponessero limiti ai suoi capricci. Erano ostili alla libertà perché, nel profondo del loro animo, nutrivano una visione pessimistica dell’uomo. Erano loro, in una parola, la destra. Noi no.

Comments are closed.