Guerrieri

La questione dell’ingresso della Turchia nell’Unione europea non è così semplice come molti fautori del sì e del no tendono a sostenere.
Noi stiamo dalla parte del sì, convinti che a imporre l’allargamento sia innanzi tutto la necessità di consolidare e legare all’Europa (e all’occidente) l’unico esperimento pienamente riuscito di democrazia “islamica”. Dall’altra parte, però, noi che siamo anche a favore di un’Europa politica, non possiamo non vedere come questa scelta renda assai improbabile un’evoluzione dell’Unione in tal senso. Dopo l’allargamento a Est e con l’ingresso della Turchia – non a caso ben visto dagli americani – l’Europa diverrebbe poco più di una grande zona di libero scambio, una comunità aperta che avrebbe comunque un’importanza storica e un ruolo positivo negli equilibri internazionali, ma che ben difficilmente quegli equilibri potrebbe in alcun modo concorrere a determinare. Innanzi tutto perché incapace di determinare in modo univoco la propria volontà: la ragnatela dei diversi interessi nazionali ne imprigionerebbe, probabilmente per sempre, ogni velleità di nuovo grande attore globale. Divisi e incerti come eravamo, abbiamo dunque accolto con sollievo le notizie sulla manifestazione leghista contro l’ingresso della Turchia nell’Ue.
Ascoltando Calderoli e compagni invocare nuove battaglie di Vienna in nome delle radici cristiane, paventando il pericolo dell’invasione islamica e del terrorismo come tanti altri devoti cantori dello scontro di civiltà, abbiamo capito anche noi qual era il nostro posto in questo scontro. Dalla parte della civiltà, ovviamente.

Comments are closed.