Snob.
Foto di Eric Molina

Contro lo snobismo democratico

«Era forse finita quando i tedeschi bombardarono Pearl Harbor?».
Ho pensato a John Belushi in Animal House dopo avere sentito Alessandro Di Battista parlare di Napoleone che combatteva «ad Auschwitz», e all’abisso che mi si apre davanti ogni volta che uno dei «meravigliosi ragazzi» mette in luce l’inadeguatezza e la pericolosità del sistema binario arroganza/ignoranza su cui ruota tutta la politica grillina. E mi sono divertito a sfotterlo, come tutti. Ma pensare che confondere Auschwitz con Austerlitz, o accusare «un tal Boneschi» di percepire il vitalizio – ignorando non solo che è morto un anno fa, ma che era un eroe dei diritti civili – siano inciampi che fanno perdere punti percentuali o preferenze al Movimento 5 Stelle significa non avere capito cosa abbiamo davanti.

Chi vota il Movimento 5 Stelle non cerca un colto mandarino da Prima Repubblica o un politico che sappia declinare verbi in latino, legga Kafka o conosca le Upanishad a memoria, no. L’elettore del Movimento vuole solo un ariete che sfondi le porte dei palazzi, e rada al suolo la cultura politica come la conosciamo, perché quella cultura la rifiuta. Vuole qualcuno che faccia quello che ha promesso: aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno. Non gli interessa sapere chi sia Luca Boneschi, ma solo che percepiva quel vitalizio. Certo, la cialtroneria cronica e l’ignoranza possono dissuadere qualcuno che li ha votati per curiosità o per sfinimento, ma questo atteggiamento un po’ paternalista e ironico, per cui ogni gaffe dei deputati del Movimento viene evidenziata in modo parossistico, non gli farà perdere voti. Anzi, potrebbe pure farglieli guadagnare.

In fondo non è un atteggiamento così lontano dal «basket of deplorables» riservato da Hillary Clinton agli elettori di Trump, un atteggiamento che alimenta la percezione di uno scontro tra un dentro e un fuori, tra un gruppo di potere – politico, sociale, culturale – e i respinti che lo combattono con ogni mezzo. È divertente, è giusto sottolinearlo, ma non può essere una linea politica. La contrapposizione tra la purezza del popolo e l’entità corrotta che si pone indebitamente al di sopra di esso (l’Usurpatore), oppure la insidia da sotto (l’Invasore), è una battaglia esistenziale combattuta da chi sente di essere su una nave che affonda mentre qualcuno si è fregato le scialuppe di salvataggio. Le istituzioni democratiche, i corpi intermedi, la politica, appaiono come quelli che se le sono prese.

È normale restare atterriti di fronte a certi abissi di ignoranza e al vuoto pneumatico di certi pensieri, ed è drammatico rendersi conto di come quel vuoto diventi agenda politica e magari programma di governo, ma credere che saranno gli errori grammaticali, le capitali ignorate, le lauree congelate a ridimensionare il Movimento 5 Stelle significa non avere capito quale tempesta stiamo attraversando e il gigantesco iceberg contro il quale sembra dirigersi un certo snobismo democratico.

   
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Comments are closed.