post-factum

Populismo fra networking e broadcasting

La7 ha tenuto bordone al populismo? Lo chiedono a Lilly Gruber che devia la mira “all’intero sistema dei media, dove la cosiddetta antipolitica, madre di tutti i populismi, ha trovato ampia rappresentanza”. E qui, immaginando che il riferimento sia al profluvio dei talk show, concordiamo perché sappiamo che da quelle parti si inizia, magari, volendo decifrare l’Aria che tira, ma ci si rassegna presto a mettersela in poppa. E da questo punto di vista parleremmo di affinità elettiva fra broadcaster e populismo.

Ma un divorzio potrebbe avvenire per due ordini ragioni. La prima ragione è che gli stessi media che hanno cavalcato l’ampia e maestosa onda, saranno velocissimi a concentrarsi sullo tsunami al punto di arrivo, dove il grande NO (No Ilva, No Tav, No Tap, No Tax, No Vax, No Shopping, No Imm-migrati, etc) frantumerà il frantumabile, e si frantumerà a sua volta in separate pozzanghere. O tornerà in alto mare. Insomma, chi ha cavalcato i flussi cavalcherà anche i riflussi, perché il mestiere è il medesimo.

Ma il populismo dispone anche di una risorsa che ai mass media è negata. Si tratta della penetrazione analitica raggiungibile attraverso l’uso dei social network. Dove chi ha vista lunga e tasche profonde (perché deve avvalersi di talenti e mezzi che costano) può dare “a ciascuno il suo” infilandosi nelle “filter bubbles” (gattari, cinofili, suprematisti, filantropi, omofili, omofobi, e tutti i cercatori di anime gemelle), e retribuendo ciascun gruppo con la chiacchiera che meglio gli si confà.

E qui arriviamo alla seconda ragione del possibile divorzio fra i mass media e il populismo. Questo gode, certo, della risonanza offerta dal broadcaster che per mestiere tende a radunare folle, ma è propenso a favorire gli interessi dei sistemi (Google, Facebook, Twitter, etc) in cui non è semplice ospite (di Lilly, Barbara, Myrta, Serena, Enrico, etc), ma tira direttamente le fila del rapporto con le mappe sociali e psicografiche della società (chiedere alle versioni nostrane di Trump, Bannon e Cambridge Analytica).

Da cui, per fare un esempio, l’orientamento a smantellare le perimetrazioni del diritto d’autore (distinzioni di territorio, calendario e piattaforma tecnica), presupposto giuridico e di fatto dei palinsesti dei broadcaster, per favorire la rete, che con i confini di spazio e tempo ha che fare come i cavoli con la merenda.Due ragioni, o per meglio dire, motivazioni per una gara che può serbare sorprese. La posta, come sempre, siamo noi (una tipica battuta populista, per concludere, ci voleva).

 

   
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Comments are closed.