• teatro senza pubblico

    Per rilanciare la cultura serve il pubblico

    La crisi causata dalla pandemia di Covid-19 sta mettendo in ginocchio la produzione artistica italiana, le istituzioni, le aziende che si occupano di spettacolo, cultura e creatività. Tanti lavoratori dello spettacolo e della cultura non stanno lavorando già da un po’ e non si capisce quando potranno ricominciare: stagioni cancellate, festival chiusi, produzioni rinviate, gallerie serrate e mostre annullate. Tutto questo significa mancanza di lavoro per mesi e mesi. La conseguenza è la morte di numerose iniziative e manifestazioni, che in diversi casi costringeranno tanti a cercare altri modi di sopravvivere. La produzione culturale in ogni ambito si è sviluppata quando è stata in grado di remunerare gli operatori, fossero attori, musicisti, cantanti, tecnici […]

  • Coronavirus a Milano

    Il virus e la crisi del modello Milano

    La Milano ansiosa, quella che guarda ossessivamente i numeri sanitari ed economici, è in allarme anche per le prime crepe nell’autoritratto che si era concessa, per scricchiolii sociali che potrebbero annunciare il crollo dell’immagine di città della modernità e dell’innovazione. La Milano della Digital Week si accorge solo dopo molte settimane che per troppi bambini è impossibile accedere alla didattica digitale. Il lockdown delle scuole ha fatto emergere disuguaglianze digitali tra cittadini, coerenti con le disuguaglianze sociali, il divario culturale nell’uso delle risorse e nell’accesso agli strumenti. È soprattutto nelle famiglie con figli nelle classi elementari e medie che questa diversità è evidente: necessaria la presenza di un genitore informatizzato che aiuti i bambini nell’uso […]

Seguici su Telegram

Radio Left Wing

Cosa dicevamo il
4 Luglio 2005
cosa dicevamo

Angelina e Brad, Jennifer e noi

Non è che Jennifer Aniston sia mai stata Miss Popolarità, da queste parti. Sembrava l’incarnazione di un incubo da quarta ginnasio: la compagna di banco che all’improvviso indovina il taglio di capelli e si ritrova col mondo ai piedi. Perfino la sua Rachel, dopo averla fagocitata, diventava una gemella cattiva sfuggita al controllo. Ogni anno di questi tempi ricominciava il balletto: il contratto di Friends da rinnovare, i sei protagonisti il più possibile compatti e la diceria dietro le quinte che si sarebbe stati a un passo dall’accordo, se solo. Se solo la Aniston non avesse fatto tutti quei capricci. Se solo Brad Pitt fosse stato meno presente. Meno ossessivo. Meno dichiaratamente pronto a […]