Non cerchiamo rifugio tra le macerie

macerie-sedia

Parlare del Partito democratico proiettando la sua immagine nei prossimi dieci anni non è compito facile soprattutto se il discorso su di esso deve essere inserito nel difficile tema del destino politico dell’Italia in Europa. E peraltro senza connetterlo a questo tema cruciale quale senso avrebbe provare a ritagliare una fisionomia possibile del Pd, o di qualunque altro partito? Un partito non è solo “programma”, anzi è soprattutto un’entità storico-politica che deve fare i conti con il corso dei tempi e con una capacità di previsione. È tanto più necessario assumere il tema nella dimensione accennata, quanto più è chiaro che se si continua a ragionare nei confini dei recinti nazionali, si perde il punto di prospettiva da cui pensare se stessi […]

Classismo culturale

notte-bianca

Contrordine, compagni! Richard Florida ha scritto un libro per spiegarci che quindici anni fa aveva sbagliato quasi tutto. Per chi non lo ricordasse – d’altro canto sono trascorsi tre lustri dall’uscita in Italia dal suo libro L’ascesa della nuova classe creativa (The rise of the creative class, 2002. Basic Books) – Florida è stato il teorico della funzione rigenerativa del modello «3T»: tolleranza, tecnologia e talento erano i tre elementi necessari, secondo lo studioso, per attrarre innovatori, esperti di tecnologie e giovani creativi nelle città in declino che, grazie a questi nuovi residenti, si sarebbero trasformate, detto fatto, in cool cities. E poiché le imprese vanno laddove ci sono i talenti, quelle città avrebbero attratto capitali, startup, innovazione, ricchezza. Il sillogismo costruito da […]

La politica nell’era dello scetticismo globale

binocolo

È sempre stato difficile per i filosofi arrischiarsi a prendere parola sul futuro. Quando poi si entra in un periodo di interregno, per dirla con Gramsci, in cui possono accadere i fenomeni morbosi più svariati, allora difficoltà si assomma a difficoltà. L’interregno, in cui il vecchio muore e il nuovo ancora non nasce, era determinato per Gramsci dalla rottura fra classi dirigenti, ideologie dominanti e masse popolari. «La morte delle vecchie ideologie – aggiungeva il pensatore sardo – si verifica come scetticismo verso tutte le teorie e le formule generali e applicazione al puro fatto economico (guadagno, ecc.) e alla politica non solo realista di fatto (come è sempre) ma cinica nella sua manifestazione immediata». Non pochi intellettuali contemporanei hanno richiamato […]

Anniversario

foto-lw-media

Il decimo anniversario del Partito democratico, la cui fondazione viene convenzionalmente fatta risalire alle primarie del 14 ottobre 2007, ha coinciso quest’anno con il centenario di un altro e più celebre ottobre rivoluzionario. Un centenario che ci ricorda quanto la politica sia effettivamente, come diceva qualcuno, storia in atto, e abbia dunque in sé il potere di cambiare il destino di miliardi di persone. Nel bene e nel male. A dieci anni dalla fondazione del Pd, dopo che anche l’ultima evoluzione del postcomunismo è definitivamente confluita in un partito dalla tradizione più larga, tanto da comprendere quella stessa Democrazia cristiana che del Pci fu la principale antagonista, dovrebbe essere finalmente possibile, anche per noi, una più serena riflessione sul legame […]