Domani

Domani mattina, per la prima volta dal 1945, il responso delle urne potrebbe mandare in pezzi un grande paese europeo che non è l’Italia.

Comments are closed.