La luna del centrosinistra

Se dovessimo riassumere in una battuta il dibattito di questi giorni attorno al centrosinistra – giacché quello interno al centrosinistra, purtroppo, è già abbastanza ricco di battute salaci e non necessita di ulteriori facezie – diremmo che gran parte dei commentatori abbaia alla luna, guarda il dito e non chiede nulla. Abbaia alla litigiosità dell’Ulivo, guarda le frizioni all’interno della coalizione e non chiede altro che parole rassicuranti. Imputa ai partiti l’eccessiva frammentazione ma non si schiera sull’unica soluzione in campo per ridurla, accusa i dirigenti di condurre lotte personali a scapito del bene comune ma non ritiene di doverne indagare le ragioni di fondo (anche perché in tal caso scoprirebbe che esse sono […]

Incastrati nel terminal

Immaginate di volare verso la città dei vostri sogni: all’atterraggio, un cataclisma politico nel vostro paese vi rende cittadini di nessuna nazione. In assenza di un documento valido per l’ingresso in un altro paese e impossibilitati a ottenerne uno a causa dei ferrei regolamenti sull’immigrazione, la vostra esistenza si blocca nel luogo esatto in cui vi trovate: il terminal dell’aereoporto. Un improbabile paradosso? No, un fatto di cronaca accaduto a Parigi che Steven Spielberg ha adattato per lo schermo (nello script, non a caso, anche Andrew “Truman Show” Niccol), costruendo una parabola agrodolce sul volto e sulla mimica di un ottimo Tom Hanks, impegnato qui a lavorare più con i silenzi e i movimenti […]

Il terzo undici settembre del mondo

Il terzo anniversario dell’attacco alle Torri gemelle è passato tra le immagini dei bambini di Beslan e la foto del corpo straziato di Enzo Baldoni, nell’angoscia per i giornalisti francesi e le volontarie italiane rapiti in Iraq, le autobomba a Giakarta e a Baghdad, le stazioni della metropolitana in fiamme e gli aeroplani abbattuti in Russia. Il terzo 11 settembre del mondo, quello ceceno, è passato nel ricordo ancora fresco delle bombe sui treni di Madrid e dei loro duecento morti, l’11 marzo del 2004. L’11 settembre dell’Europa. In Israele nemmeno i più ottimisti intravedono il minimo spiraglio di pace. In Russia e in tutta la regione del Caucaso non c’è una sola ragione […]

Moore sotto la palma

Come tutti coloro che sono andati a vederlo, anche noi siamo entrati al cinema con un’opinione già perfettamente definita su Fahrenheit 9/11 e così la riportiamo dopo averlo visto. Prima di esporla, però, occorre una premessa: Fahrenheit 9/11 non è un film. E non è nemmeno un documentario. Ben al di là delle intenzioni dell’autore, che puntava dichiaratamente a farne uno strumento di propaganda, Fahrenheit 9/11 è un fatto politico. Non a caso non si è data in tutto il mondo ricezione – e recensione – del film che contrastasse anche solo in minima parte con lo schieramento di appartenenza: in Francia e in Spagna, per fare solo due esempi, è stato un trionfo; […]

Allegri

La proposta di nominare senatrice a vita Oriana Fallaci, avanzata con singolare tempismo politico diplomatico da Sandro Bondi, è di quelle che fanno riflettere. Non sulla proposta in sé, ma sul proponente. Perché la richiesta segnala un’evoluzione nella destra italiana: al momento di indicare qualcuno che sia in grado di rappresentare non tanto l’Italia intera, ma almeno la propria parte, la Cdl passa da Mike Bongiorno a Oriana Fallaci. Ovvero dalla tradizione nazionalpopolare al fanatismo ideologico. A noi non sembra una scelta molto conveniente, forse perché di italiani orgogliosi e rabbiosi pronti a imbracciare il fucile e ad arruolarsi in una nuova crociata non ne vediamo molti. Dispiace soprattutto per il vecchio Mike, che […]

Fine delle illusioni

Le immagini dei bambini rinchiusi nella scuola di Beslan gireranno il mondo ancora a lungo. Come la piccola vietnamita in fuga dal suo villaggio e i bambini ebrei dietro i recinti di Auschwitz, quei volti sono destinati a diventare simbolo di una tragedia che è già ora – con le cifre ancora provvisorie che parlano di 400 morti, 186 dispersi e 700 feriti – oltre la storia e otre la politica, immagine del male assoluto. Un confine è stato nuovamente oltrepassato. Nel primo giorno di scuola dei bambini di Beslan finiscono molte illusioni. Finisce innanzi tutto l’illusione di un conflitto in qualche misura razionale e circoscritto, quello che oppone l’Occidente al terrorismo islamista, troppo […]

Rassegnati

Ma è vero che si tratta di scegliere fra un Iraq normalizzato dagli Stati uniti e un Iraq liberato dai tagliatori di teste? Fra una Cecenia normalizzata da Putin e una Cecenia dominata dai sequestratori di bambini?”. A queste domande Rossana Rossanda risponde sul Manifesto che no, non è vero. Da una persona di sinistra, a questa risposta ci si aspetterebbe seguisse una spiegazione del tipo: non è vero perché tocca a noi, all’Europa, all’Italia, alla sinistra impegnarsi per cambiare le cose. Non era così che si usava dire, a sinistra, un tempo? Non eravamo noi quelli che volevano cambiare il mondo? No, o non più, almeno. Perché la spiegazione della Rossanda suona così: […]

La privatizzazione del passato

Difendere Timeline sarebbe impossibile anche per amanti del genere come noi. Il film di Donner è scontato, sciatto come la brutta copia di un tema di scuola, per nulla appassionante. Un gruppo di archeologi finisce in mezzo alla guerra dei cent’anni, proprio nel sito oggetto dei suoi scavi. La colpa è di una improbabile macchina del tempo costruita dalla solita avida multinazionale fuori controllo. I protagonisti sono tipici archeologi hollywoodiani: più che ricercatori abituati alla vita di biblioteca, alle giornate passate disegnando matrix (che non è un’altra macchina del tempo, ma un noiosissimo schema stratigrafico del suolo) o in una landa desolata con pala e piccone, sono dei rambo in grado di andare a […]

Robot

1 Un robot non può recare danno a un essere umano, né può permettere che, a causa del suo mancato intervento, un essere umano riceva danno. 2.Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non contravvengano alla Prima Legge. 3.Un robot deve proteggere la propria esistenza, purché questa autodifesa non contrasti con la Prima e la Seconda Legge Queste, per chi conosce l’abc della fantascienza, sono le tre leggi della robotica enunciate, secondo la tradizione, da John W. Campbell nel 1940 e sviluppate da Isaac Asimov nei cinquant’anni seguenti. Pare che ci sia un film, che uscirà da noi quest’autunno, vagamente ispirato ai racconti di robot di Asimov, ma […]

L’autunno anticipato

A leggere i giornali sembra assodato che in autunno la crisi del governo Berlusconi si aggraverà, che alle prossime elezioni il centrosinistra abbia già la vittoria in tasca e che il progetto della lista unitaria sia ormai definitivamente tramontato. Sulla crisi di governo non ci sentiamo di fare pronostici, sul resto ci sentiamo invece di dissentire radicalmente. Se davvero i contrasti nella maggioranza dovessero esplodere con la prossima finanziaria ci sembra infatti assai probabile che Berlusconi decida di accoppiare elezioni regionali e politiche nella primavera del 2005. La possibile rielezione di Bush alla Casa Bianca a novembre sarebbe certamente un potente stimolo. Né si può sottovalutare il fatto che la Cdl abbia dalla sua […]