Il polso del sabato sera

A tre anni di distanza dall’ultimo lavoro in studio, i Deftones da Sacramento, California, tornano con “Saturday Night Wrist” (10/06), dodici tracce che danno il polso della situazione di un gruppo intento da sempre a sfuggire alle facili definizioni e a non fossilizzarsi. La band si forma intorno all’88, quando Stephen Carpenter, costretto da un incidente d’auto ad abbandonare lo skateboard in favore della chitarra, intuisce in quale dei due campi il suo talento possa meglio esprimersi. Tra prove in garage e selezioni, la prima, quasi definitiva, line up schiera (in ordine di arrivo) il batterista Abe Cunningham, il vocalist Chino Moreno e il bassista Chi Cheng. Il loro nome è un gioco di […]

Il suono delle idee

E’ certamente significativo che un buon numero di giovani artisti scelga di creare sfruttando il meno possibile le infinite opportunità offerte dall’elettronica. Di belle canzoni semplici e dirette, prevalentemente acustiche, cominciamo a sentirne diverse in giro, e ai nomi già ricordati qualche settimana fa – Damien Rice, Fink, Piers Faccini – sarebbe certamente il caso di aggiungerne altri (ci limitiamo all’inglese Scott Matthews, autore di “Elusive”, prototipo di canzone moderna ed equilibratissima). Ma possiamo accontentarci di questa visione delle cose alla fine un po’ tradizionale, per quanto (per fortuna) ancora portatrice di splendide e ispirate intuizioni? Cioè, non è il caso di chiedersi in quale misura si sia riusciti ad aggiornare la forma canzone, […]

Cult Of Luna

Ecco come dovrebbe lavorare una band. Dovrebbe evolvere in qualcosa di differente, mantenendo tuttavia la propria qualità… Posso dirti questo: la gente ODIERA’ il nostro prossimo album, ahahah!”. La risata di Johannes Persson, chitarrista, compositore e fondatore dei Cult Of Luna è trascritta nero su bianco anche nel testo dell’intervista originale, consegnando l’immagine di qualcuno deciso a proseguire in un percorso che rinnovi e rafforzi le basi del lavoro precedente. Qualcuno, soprattutto, più incline ad affrontare le critiche, anche feroci, a viso aperto, piuttosto che farsene condizionare anticipatamente. Date le premesse non è quindi una sorpresa che “Somewhere Along The Highway” (Aprile ’06) mostri una band in transito verso un sound coerente con le […]

Christian-Metal

Empat sudut dalam ruang/ Tiap satu wakilkan titik pandang/ Milikku ada di sana/ Tempat ku lihat tiga lainnya”. Poco chiaro? Per fortuna, viene fornita anche la traduzione inglese che rivela un concetto interessante: “There are four corners of a room/ Each represents one point of view/ Mine is over there/ Where I can see the other three”. Questione di punti di vista, com’è naturale che sia nel presentare un metallo che proviene dall’altra parte del globo terracqueo: Jason De Ron, chitarrista, è australiano; Jeff Arwadi, vocalist, chitarrista e bassista, è indonesiano. Insieme al bassista Kenny Cheong formano gli Altera Enigma, gruppo che fonde metal, progressive e jazz. Ultimi arrivati in un elenco che vanta […]

I limiti della democrazia elettronica

Siamo nell’era della democrazia in musica. Perché mai dovrebbe essere necessario sapere qual è la differenza tra una croma e una semiminima, o addirittura essere in grado di suonare uno strumento? Computer, campionatori, software musicale di ogni sorta, raffinatissime tecniche di taglia e incolla hanno abbattuto la dittatura dello “studiare musica”, rendendo la creazione quasi un lavoro da informatici. Rubo e riassemblo, questa è la chiave: prendo la sezione ritmica di quel tale pezzo, la replico, ci metto sopra uno spezzone chirurgicamente asportato da qualche altro pezzo, faccio un po’ di editing e via di questo passo. Tanta musica è nata e continua a nascere da questo singolare processo che potremmo chiamare nobilmente di […]

Solitude Aeturnus

Risvegliandoci dagli incubi/ In una vita ripetitiva/ Continuiamo/ Dritti verso la fine”. Non suonerebbe bene al Grand Ole Opry di Nashville. Non s’accompagna con la classica bistecca alta cinque dita, induce di più il desiderio di una pinta di birra. Non è tradizionale anche se viene dal profondo sud. E’ doom-metal, la costola più oscura della maledizione Sabbath, ma arriva, in questo caso, dal Texas. Per alcuni osservatori nostrani secondo i quali il Texas è solo George W. Bush, Chuck “Walker Texas Ranger” Norris e pessima musica country, i Solitude Aeturnus non dovrebbero esistere; viceversa, questa band che coniuga l’estetica fatalista del doom con la crepuscolare malinconia del gotico rappresenta il punto d’arrivo dell’epopea […]

Christ Illusion

La gente ha un problema, se deve mettere in discussione il proprio sistema di valori a causa di un libro, di una storia scritta da qualcuno o da una canzone degli Slayer”. La domanda riguardava il conflitto tra la professata fede cattolica e i testi – alle soglie del blasfemo – delle canzoni incise dal gruppo. A rispondere, Tom Araya, voce e basso degli Slayer, capostipiti dello speed/death metal. Risposta la cui parte iniziale suona più o meno così: “Kerry (King, chitarrista della band) ha scritto della roba davvero ‘fuori’. Ma io non sono del genere: fa schifo perché è contraria a quello in cui credo. Io preferisco dire: questa è roba davvero buona, […]

L’uomo che visse tre volte

L’ uomo che visse tre volte è nato a Londra, il 21 Luglio di cinquantotto anni fa: all’anagrafe viene iscritto con il nome di Steven Demetre Georgiou, terzo figlio di padre greco-cipriota e madre svedese. A quell’epoca, i genitori gestiscono un ristorante nel quartiere di Soho dove, quando è libero dalle lezioni alla scuola cattolica, lavora anche Steven. Dopo la separazione dei genitori, segue la madre in Svezia e s’interessa alle tecniche di disegno. Di ritorno a Londra, tuttavia, intraprende la carriera di cantautore. E’ il 1966 e anche se la vicenda umana di Mr Georgiou è agli inizi, i segni ci sono già tutti: ambiente multiculturale, non particolarmente benestante; educazione religiosa (cattolica, anche […]

Tenacious D

In “School of Rock”, il professor Jack Black trasformava gli ingessati studenti di una scuola dell’America bene in piccoli emuli di Led Zeppelin, Who e Iron Maiden. Il ruolo del fanatico del rock non era però nuovo all’attore di “Alta fedeltà” e di “King Kong”: è infatti anche leader dei Tenacious D, duo comico-musicale impostosi sulle scene statunitensi a partire dagli ultimi anni Novanta. Il loro debutto risale al 1994: Black e il chitarrista Kyle Gass, conosciutisi anni prima in una compagnia teatrale, esordiscono in un locale di Los Angeles con “Tribute”, pezzo in cui asseriscono di aver composto la miglior canzone del mondo, di averla addirittura utilizzata per sconfiggere un demone, ma di […]

Free Metal

Il metal è, nella sua forma migliore, ricerca dell’estremo: estrema potenza, forma, contenuto. Anche il jazz, nel corso della sua più lunga storia, si è lasciato tentare felicemente da questa ricerca, dall’ansia di spingere, ogni volta, un po’ più in là il limite. Esiste anche un territorio condiviso tra questi due generi, dove la fusione di queste estremità permette di mappare continenti in formazione, dai confini mobili. John Zorn, nato nel 1953 a New York e multiculturale per nascita, formazione e contiguità, è uno dei maggiori cartografi di questo territorio: lo si potrebbe definire musicista jazz, salvo accorgersi dell’infinita teoria di contaminazioni sonore, letterarie, intellettuali infuse nel suo stile e lasciate di proposito confliggere […]