Rivelazioni

Monti.

Scrive Paolo Mieli sul Corriere della sera che dal 1861 a oggi, nel nostro paese, una maggioranza di governo è stata sostituita dall’altra direttamente attraverso il voto degli elettori, invece che attraverso una manovra parlamentare, soltanto a partire dal 2001. E che questa tardiva conquista è andata in fumo già nel 2013. Indovinate perché?

Doroteismo 4.0

Clemente Mastella.

Dice oggi Dario Franceschini al Corriere della sera che «un conto è il giusto ricambio dei gruppi dirigenti, altra cosa è la capacità di essere inclusivi, specie davanti ai rischi che stiamo correndo». Per questo, suscitando subito l’entusiastico apprezzamento di Maurizio Gasparri e Maria Stella Gelmini, propone di spostare il premio di maggioranza dalla lista (cioè dal partito) alla coalizione. «Nel campo riformista – spiega – c’è un’area di centro che ha collaborato con i governi di Letta e Renzi,

Politica

d'alema

Da anni Massimo D’Alema ama ripetere ai giornalisti che lui non si occupa di politica. In questi ultimi giorni, per la prima volta, ho avuto la netta impressione che dicesse la verità.

Capolinea

capolinea

In un’intervista alla Stampa Emanuele Macaluso definisce affettuosamente le polemiche interne al Partito democratico come una «gara tra bugiardi» e dichiara che il Pd è «al capolinea». Ma che il Pd sia al capolinea Emanuele Macaluso lo sostiene da quando il Pd è nato. Letteralmente. Il libro che scrisse alla nascita del Pd, nel 2007, si intitolava proprio così: Al capolinea. Da allora il Pd è passato dall’opposizione al governo, ha preso il 40 per cento alle europee, ha vinto, perso, pareggiato tante battaglie,

Delusioni

Giovani.

Sul Corriere della sera di oggi Romano Prodi dice di essere stato molto deluso dai giovani. Sapesse i giovani.

Voti

350419776_436986437a_z

Sono comprensibili le ragioni polemiche degli avversari politici del Pd, meno quelle di alcuni nostri compagni di partito; ad entrambi va comunque ricordato che la legge elettorale uscita dalla sentenza della Consulta, e «suscettibile di immediata applicazione», si chiama Italicum. E non è un caso di omonimia: come l’Italicum prevede infatti il premio di maggioranza per chi superi il 40%, i capilista bloccati e tutto il resto, salvo il criterio con cui scegliere il collegio in caso di pluricandidature e ovviamente il ballottaggio.

Cat Power

6012756505_a2a09afd9d_z

Fabrizio Bracconeri, indimenticabile Bruno Sacchi dei Ragazzi della Terza C e dimenticato (dagli elettori) candidato di Fratelli d’Italia alle ultime europee, dice di essere attaccato su internet da esponenti del Pd, quasi tutti, guarda un po’, con dei gatti nel profilo, «simbolo del terrorismo». Non ridete. In tempi di fake news e post-politica, l’amara verità – l’unica residua – è che davvero grande è la confusione sotto il cielo, come diceva il presidente Miao.

Lezioni tardive

Trump

Dice Pier Luigi Bersani, con molte buone ragioni, che il voto americano ci mostra un mondo in cui emerge una nuova destra che «non è una destra liberista, è una destra della protezione», per battere la quale serve una sinistra che metta «tutti e due i piedi fuori dagli establishment e dentro le periferie sociali». E così conclude: «Per dirla in bersanese: la mucca nel corridoio sta bussando alla porta».

Partita doppia

Aristotele

Tutto si poteva aspettare Angela Merkel meno che questo. Scrive infatti Andrea Bonanni, proprio all’inizio del suo commento sul vertice di Berlino con Matteo Renzi, sulla prima pagina di Repubblica, che «la Cancelliera è troppo aristotelica per ignorare che la forma è sostanza, e dunque pregiudicare scelte che formalmente spettano a Bruxelles», mentre «il nostro premier è troppo machiavellico per lasciar trasparire la vera partita doppia che si è giocata nella colazione di ieri».

Unici

Dopo Italia Unica di Corrado Passera, anche Diego Della Valle lancia il suo movimento: Noi Italiani. Ma siamo certi che alle elezioni si presenteranno sotto uno stesso simbolo, per non disperdere il voto dei banchieri. Come nome dell’alleanza suggeriremmo: Italiani unici.